Richiesta di convocazione del Tavolo delle professioni sanitarie

Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi.

Lettera inviata al Ministro della Salute e, per conoscenza, ai presidente degli Ordini ricadenti tra le professioni sanitarie.

Egregio Sig. Ministro,

la recente adozione da parte del Consiglio dei Ministri del provvedimento di legge recante norme sulla concorrenza, adottato nel quadro delle iniziative legislative richieste dal PNRR, presenta alcuni aspetti che destano particolari apprensioni. Mi riferisco, nello specifico, alle ipotizzate nuove norme di Accreditamento Istituzionale delle strutture private sulla base di parametri e valutazioni vagamente definiti e pertanto ancora generici ed indeterminati.

Ulteriore motivo di perplessità nasce dalla ipotesi contenuta nel provvedimento di procedere, da parte del SSN, all’acquisto di prestazioni sanitarie mediante gare d’appalto ed aleatorie valutazioni della qualità delle prestazioni medesime. Ne consegue, dall’ermeneutica valutazione del provvedimento licenziato dal CdM, che le prestazioni sanitarie erogate da centri o professionisti si potrebbero trasformare in merce oppure in acquisto di beni e servizi che esulano dall’esercizio della professione e dai requisiti propri della medesima.

Come la S.V. ha più volte ribadito, apertis verbis, il Tavolo tecnico e di confronto tra il Ministro ed i rappresentanti degli Ordini e dei Collegi delle Professioni sanitarie ha il precipuo scopo di aprire un preventivo confronto sulle criticità che possono emergere da provvedimenti legislativi in itinere, al solo fine di eliminare tali criticità.

In virtù di quanto innanzi evidenziato, sono a chiedere la riunione del Tavolo per una discussione ed un approfondimento sul provvedimento.

Voglia gradire i miei più cordiali saluti.

Sen. Dott. Vincenzo D’Anna

Presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi

Documento originale